Home»Ecologia»HO GETTATO LA SPUGNA! CON LA TAWASHI LA MIA CUCINA È PIÙ GREEN!

Mariella Dipaola

Gironzolando sul web, in cerca di idee per rendere sempre più ecosostenibile la mia quotidianità, mi sono imbattuta nella visione di simpatici dischetti a spirale, simili a quello che vedete in foto, che io ho realizzato. Si chiama tawashi ed è la mia nuova spugna per i piatti! 

La spugnetta tawashi ha origini nipponiche (tawashi significa fagotto) e viene utilizzata in Giappone per la pulizia del corpo e dei piatti. Si può realizzare utilizzando l’uncinetto, i ferri oppure un rudimentale telaietto autoprodotto coi chiodi. Si utilizza materiale di recupero (vecchi indumenti ridotti in strisce, scarti di fili di lana o cotone) o comunque materiale naturale. 

Le spugne tawashi non si buttano! Si lavano e si riutilizzano in un circolo virtuoso, che sostituisce quello vizioso, legato alle spugne convenzionali, che vengono costantemente buttate e sostituite da una identica, la quale farà immancabilmente la fine delle altre che l’hanno preceduta. 

Dal cassetto dei ricordi ho tirato fuori quelli di me bambina intenta ad utilizzare per gioco filo e uncinetto. 

In pochissimo tempo, e con grande soddisfazione (quella che si sperimenta quando si fanno le cose da sé), ho creato questa spugnetta utilizzando filo di canapa per renderla abrasiva. 

In alternativa, pensando ad esempio alla cura del corpo, le spugnette tawashi possono essere realizzate in cotone. 

Fatevi un giro sul web. Ci sono mille idee a costo zero per far compiere un piccolo passo avanti nel segno dell’ecosostenibilità alla vostra casa. 

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Matteo Della Torre - Direttore responsabile

Uomoplanetario.org San Ferdinando di Puglia, 76017 - Italia

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT