Home»Archivio»World News (Page 2)

Il pericolo per l’Europa non viene dal mare ma dall’estrema destra

Il pericolo per l’Europa non viene dal mare ma dall’estrema destra

Quest’anno siamo arrivati appena a 44mila migranti. In altre parole, non esiste più una crisi migratoria. Ce la siamo lasciata alle spalle. Quella che viviamo è soltanto una crisi politica in cui la paura di un’invasione sconvolge gli scacchieri nazionali.

Aiutiamoli a casa loro (prima parte): il “grabbato” e il “grabbatore”

Aiutiamoli a casa loro (prima parte): il “grabbato” e il “grabbatore”

L’Unione europea ha appena deciso di triplicare i fondi per la gestione dei migranti: la somma messa a bilancio passerà dagli attuali 13 miliardi di euro (anni 2014-2021) ai futuri 35 miliardi di euro (anni 2021-2027). Prima di compiere l’analisi dei costi preventivati, dove i soldi vanno, per fare cosa, dobbiamo sapere cosa noi prendiamo dall’Africa, e cosa restituiamo all’Africa. Se noi aiutiamo loro oppure se loro, magari, danno una mano a noi.

Perché il programma di Salvini sull’immigrazione è impraticabile

Perché il programma di Salvini sull’immigrazione è impraticabile

Matteo Salvini scende da una Bmw grigia nella spianata di cemento dell’hotspot di Pozzallo verso le quattro del pomeriggio di domenica 3 giugno. L’aria è ferma. Intorno a lui si raccoglie un gruppo di autorità tra cui il governatore della Sicilia Nello Musumeci, forze dell’ordine e operatori umanitari. È la sua prima visita ufficiale da ministro dell’interno e da vicepremier. Ha condotto la campagna elettorale con gli slogan xenofobi “A casa loro” e “Prima gli italiani” e ora che è al governo vuole ribadire il suo programma di rimpatri, tagli all’accoglienza e ostilità contro le organizzazioni non governative, così il centro di identificazione di uno dei porti più meridionali della Sicilia diventa un palcoscenico per inaugurare il suo mandato.

Quattro dubbi sull’attacco militare alla Siria

Quattro dubbi sull’attacco militare alla Siria

L’attacco missilistico anglo-franco-americano lanciato in Siria per punire il governo e dissuaderlo dall’uso di armi chimiche dovrebbe fermare per un breve periodo questo barbaro strumento di guerra, come già successo in passato. Tuttavia, nel contesto del tradizionale e prolungato militarismo americano ed europeo in Medio Oriente, l’operazione genera sensazioni contrastanti perché restano forti dubbi in merito alla sua efficacia, legittimità, credibilità e comprensione del contesto siriano.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ABOUT
  • CONTACT