Home»Archivio»Nonviolenza»Educazione

I reati calano, ma la paura resta

I reati calano, ma la paura resta

La percezione della criminalità degli italiani rimane tra le più alte d’Europa. Questa differenza tra realtà e percezione potrebbe essere causata dai media italiani, che dedicano moltissimo spazio alla criminalità. Nel nostro paese la televisione si occupa di criminalità il doppio rispetto a Germania e Francia e un terzo in più del Regno Unito

Distorcere la lingua

Distorcere la lingua

«I limiti del mio linguaggio significano i limiti del mio mondo» ha scritto Ludwig Wittgenstein: la caduta del linguaggio, si può arrivare a dire, è la caduta dell’uomo.

STOP ALLA VIOLENZA IN FAMIGLIA. ROMPIAMO IL CIRCOLO VIZIOSO!

STOP ALLA VIOLENZA IN FAMIGLIA. ROMPIAMO IL CIRCOLO VIZIOSO!

E’ molto triste ascoltare dalla voce dei bambini racconti di violenze psicologiche (e chissà quali e quante violenze fisiche taciute) subite dai genitori , persone per bene, quasi sicuramente inconsapevoli di infliggere ai figli una tale quantità di sofferenza e di contribuire attivamente alla riproduzione transgenerazionale della violenza.

Le biciclette ci salveranno dalle polveri fini e dai cambiamenti climatici!

Le biciclette ci salveranno dalle polveri fini e dai cambiamenti climatici!

Chi si muove in bicicletta combatte da subito contro i cambiamenti climatici, semplicemente usandola, tutti giorni.
Una città a misura di bici è una città solidale e in sintonia con il pianeta, in cui gli abitanti fanno ogni giorno pace con le generazioni che verranno; una città più umana e più accogliente.

SOLE: “Self-Organized Learning Environments“

SOLE: “Self-Organized Learning Environments“

Come sarà la scuola nel 2030? E’ vero che un computer non potrà mai sostituire un insegnante e la sua lezione frontale? Il professore indiano Sugata Mitra – docente di Education Technology alla School of Education di Newcastle e vincitore del Premio Ted 2013 – sta lavorando da anni per contribuire a rivoluzionare la scuola e abbattere il dogma della lezione frontale.

Steve Jobs School. Un modello per le scuole del futuro

Steve Jobs School. Un modello per le scuole del futuro

Nelle Steve Jobs School per i bambini e i ragazzi dai 4 ai 12 anni che frequentano le lezioni non ci sono aule fisse e non si seguono i programmi scolastici tradizionali. Qui è rivoluzionato il modo in cui avviene l’apprendimento e ribaltato il concetto di lezione frontale. L’insegnante si chiama coach (allenatore), promuove e affianca le attività di gruppo e si interfaccia con gli studenti attraverso l’iPad, che diviene lo strumento educativo primario in una scuola senza carta, in cui i libri di testo sono sostituiti da ebook, app educative, presentazioni keynote, video e podcast.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ABOUT
  • CONTACT