Home»Archivio»Articoli

LA GRANDE CECITÀ PENTAFASCIOLEGHISTA SUL FUTURO DELL’ITALIA

LA GRANDE CECITÀ PENTAFASCIOLEGHISTA SUL FUTURO DELL’ITALIA

Matteo Della Torre Siamo circondati da incendi, violente ondate di calore, alluvioni devastanti, siccità su ampia scala. I climatologi e gli ambientalisti hanno suonato l’allarme del cambiamento climatico sin dal 1972. Un rapporto della Banca Mondiale del 2012 prefigura un aumento di 4 gradi della temperatura terrestre entro il 2100. Ma la scienza ci dice […]

PROVE GENERALI DI FASCISMO

PROVE GENERALI DI FASCISMO

“Per capire cosa sta succedendo nel mondo in questo momento, dobbiamo riflettere su due cose. Una è che siamo in una fase di test. L’altra è che ciò che viene testato è il fascismo – una parola che dovrebbe essere usata con attenzione, ma dalla quale non bisogna sfuggire quando è così chiaramente all’orizzonte. Dimenticate il “post-fascismo” – quello che stiamo vivendo è il proto-fascismo.

Papa Francesco: «I veri cristiani difendono gli immigrati e i poveri»

Papa Francesco: «I veri cristiani difendono gli immigrati e i poveri»

Non difendere i migranti o i poveri non è cristiano. Non usa mezze parole Papa Francesco che, in un documento diffuso stamattina, bacchetta quei cattolici che affermano che la situazione degli immigrati, «di fronte al relativismo e ai limiti del mondo attuale, sarebbe un tema marginale rispetto ad altri temi».

Il pericolo per l’Europa non viene dal mare ma dall’estrema destra

Il pericolo per l’Europa non viene dal mare ma dall’estrema destra

Quest’anno siamo arrivati appena a 44mila migranti. In altre parole, non esiste più una crisi migratoria. Ce la siamo lasciata alle spalle. Quella che viviamo è soltanto una crisi politica in cui la paura di un’invasione sconvolge gli scacchieri nazionali.

#BreakFreeFromPlastic

#BreakFreeFromPlastic

CHIEDI ALLE AZIENDE DI FARE LA LORO PARTE CONTRO L’INQUINAMENTO DA PLASTICA. Ogni minuto, 365 giorni l’anno, l’equivalente di un camion pieno di plastica finisce in mare. La plastica usa-e-getta sta soffocando il Pianeta! È ora che le aziende smettano di usare imballaggi e contenitori in plastica monouso. 

Aiutiamoli a casa loro (prima parte): il “grabbato” e il “grabbatore”

Aiutiamoli a casa loro (prima parte): il “grabbato” e il “grabbatore”

L’Unione europea ha appena deciso di triplicare i fondi per la gestione dei migranti: la somma messa a bilancio passerà dagli attuali 13 miliardi di euro (anni 2014-2021) ai futuri 35 miliardi di euro (anni 2021-2027). Prima di compiere l’analisi dei costi preventivati, dove i soldi vanno, per fare cosa, dobbiamo sapere cosa noi prendiamo dall’Africa, e cosa restituiamo all’Africa. Se noi aiutiamo loro oppure se loro, magari, danno una mano a noi.

Ministro Toninelli, scenda dall’auto: il futuro della mobilità è la bicicletta

Ministro Toninelli, scenda dall’auto: il futuro della mobilità è la bicicletta

Il tweet enfatico con cui il neoministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli ha annunciato ieri la sua presenza all’inaugurazione del Salone dell’Auto di Torino dice molto di più di quanto non facciano i 212 caratteri utilizzati per scriverlo e la foto che lo correda. Il messaggio che veicola mette al centro, ancora una volta, l’auto come panacea di tutti i mali della mobilità.

LA SCUOLA DEL REGRESSO SECONDO ERNESTO GALLI DELLA LOGGIA

Nella lettera aperta al neo ministro dell’Istruzione, l’editorialista nei primi due punti del suo decalogo per cambiare la scuola propone di REINTRODURRE LA PREDELLA, per sollevare di alcuni centimetri la cattedra dell’insegnante, con l’intento di evidenziare l’asimmetria gerarchica tra il docente e il discente. Il secondo punto è una conseguenza del primo: reintrodurre nelle classi di ogni ordine e grado L’OBBLIGO DI ALZARSI IN PIEDI ALL’ENTRATA DEI DOCENTI. Bastano solo questi due punti per qualificare il livello di conoscenza e competenza pedagogica di Ernesto Galli della Loggia.

Perché il programma di Salvini sull’immigrazione è impraticabile

Perché il programma di Salvini sull’immigrazione è impraticabile

Matteo Salvini scende da una Bmw grigia nella spianata di cemento dell’hotspot di Pozzallo verso le quattro del pomeriggio di domenica 3 giugno. L’aria è ferma. Intorno a lui si raccoglie un gruppo di autorità tra cui il governatore della Sicilia Nello Musumeci, forze dell’ordine e operatori umanitari. È la sua prima visita ufficiale da ministro dell’interno e da vicepremier. Ha condotto la campagna elettorale con gli slogan xenofobi “A casa loro” e “Prima gli italiani” e ora che è al governo vuole ribadire il suo programma di rimpatri, tagli all’accoglienza e ostilità contro le organizzazioni non governative, così il centro di identificazione di uno dei porti più meridionali della Sicilia diventa un palcoscenico per inaugurare il suo mandato.

IL TRIBUTO DI SANGUE PER IL SOLLAZZO DEI CATTOLICI LOCALI

IL TRIBUTO DI SANGUE PER IL SOLLAZZO DEI CATTOLICI LOCALI

Se le carni straziate delle numerose vittime dei fuochi d’artificio non sono capaci di provocare nei preti e nei fedeli un minimo senso di colpa e compassione, è perché il loro cristianesimo è degenerato. Sant’Agostino scriveva che “la speranza ha due bellissimi figli, lo sdegno ed il coraggio. Sdegno per le cose come sono e Coraggio per cambiarle”. Questi preti e questi fedeli hanno perso sia la capacità di provare Sdegno per l’ingiustizia e il sangue delle vittime del loro vano sollazzo, ammantato di religiosità, che il Coraggio per cambiare una realtà così scandalosa.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ABOUT
  • CONTACT