Home»Articoli»A CAPODANNO L’IDIOTA FASCISTA DEVE SPARARE


Foto: Lorenzo Ricci (da Facebook)

Matteo Della Torre

Anche quando c’è ben poco da festeggiare, a Capodanno l’idiota fascista deve sparare. Con i mortaretti se non è in vena, con le bombe carta se è allegro, con pistole o fucili se ha il porto d’armi ed è baldanzoso o con una micidiale combinazione dei tre elementi se è euforico. Sono la sua ideologia e il culto della violenza ad imporlo. 

Il Capodanno e le Feste patronali offrono la stura per consumare comodi surrogati della guerra: i botti e i colpi di pistola. 

Se il silenzio è sexy, i finti echi della battaglia eccitano il codardo fascista. E nulla importa. Disturbare il prossimo, causare gravi incidenti e morti di esseri umani o far morire di spavento altri esseri viventi, come le centinaia di uccelli morti ieri a Roma a causa dei botti. 

Quando il menefreghismo tipico del fascista subirà un più che tardivo upgrade verso la simpatia per gli altri esseri viventi non ci è dato saperlo. Sono ben altri i progressi morali che attendono la retroguardia (fascista) della società. Chi circoscrive ancora i suoi istinti sociali ai soli membri della medesima nazione e non li estende a tutti gli uomini e le donne di ogni nazione o razza ha ancora molta strada da compiere per giungere al rispetto dei diritti degli animali. Agli spiriti evoluti non resta che esercitarsi nella meritoria virtù della pazienza.

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Matteo Della Torre - Direttore responsabile

Uomoplanetario.org San Ferdinando di Puglia, 76017 - Italia

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ABOUT
  • CONTACT