Home»Nonviolenza»Disarmo»L’orologio dell’apocalisse segna ancora mezzanotte meno cinque

L’orologio dell’apocalisse
L’orologio dell’apocalisse

L’orologio dell’apocalisse, creato del 1947 dagli scienziati del Bulletin of the Atomic per monitorare il pericolo di una guerra atomica, è ancora fermo a mezzanotte meno cinque. L’ora è rimasta invariata rispetto allo scorso anno e, nonostante durante il 2013 ci sia stata una riduzione degli armamenti nucleari in tutto il mondo, gli scienziati hanno comunque deciso di non portare indietro le lancette. Ecco le motivazioni: “Come sempre, le nuove tecnologie fanno del bene, fornendo nuove fonti di energia pulita, curarando le malattie, e migliorando le nostre vite. Per esperienza, però, sappiamo anche che le nuove tecnologie possono essere utilizzate per danneggiare l’umanità e distruggere le società. Dobbiamo gestire la nostra tecnologia, o ne diventeremo vittime.” Fra le motivazioni, anche la crescente preoccupazione per il riscaldamento globale e per la condotta di alcuni paesi.

L’ora del doomsday clock, entrato ormai a far parte dell’immaginario popolare (e citato in diverse opere, come ad esempio Watchmen di Alan Moore), è cambiata 20 volte in più di 65 anni. A decidere gli spostamenti delle lancette è una commissione di scienziati che monitora le minacce internazionali, soprattutto quelle che hanno a che fare con il nucleare.

Fonte: www.wired.it

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • WORLD NEWS
  • NONVIOLENZA
  • ABOUT
  • CONTACT