Home»Foto»Facebook? È morto e sepolto. Parola di alcuni ricercatori
Facebook Dislike
Facebook Dislike

Mauro Notarianni

Tra i teenager Facebook è sempre meno popolare. Lo afferma uno studio su un campione di ragazzi dell’Unione Europea tra i 16 e i 18 anni, evidenziando come questi trovino il social network di Zuckerberg & soci “uncool” e mantengano i loro profili solo per restare in contatto con i parenti più anziani. I teenager preferiscono usare altro: WhatsApp, Snapchat e Twitter.

Tra i teenager Facebook è sempre meno popolare. Lo afferma uno studio su un campione di ragazzi dell’Unione Europea tra i 16 e i 18 anni, evidenziando come questi trovino il social network di Zuckerberg & soci “uncool” e mantengano i loro profili solo per restare in contatto con i parenti più anziani. I teenager preferiscono usare altro: WhatsApp, Snapchat e Twitter.

Il Professor Daniel Miller dell’University College di Londra, che ha partecipato alla ricerca, afferma che alcuni ragazzi provano persino “imbarazzo” ad associare il loro nome a Facebook. “Quest’anno ha segnato probabilmente l’inizio del declino del più pervasivo dei social network; i giovani si allontanano in massa verso altri social network, lasciandolo ai loro genitori”. Il sistema è stato visto dai padri e madri come un modo per controllare i propri figli: il motivo per il quale questi ultimi preferiscono allontanarsi verso social meno noti o sistemi di comunicazioni verso i quali i genitori sono meno avvezzi all’uso. “Il momento in cui un giovane lascia Facebook è quello temuto quando la mamma ti manda la richiesta di amicizia” dice Miller.

I ragazzi riconoscono che Facebook è utile per alcuni servizi (es. gestione di album fotografici, strumenti per organizzare feste e per osservare le relazioni tra le persone), ma diffusione non significa necessariamente migliore di altri. WhatsApp ha superato Facebook come strumento preferito per l’invio di messaggi dicono i ricercatori; Snapchat sta guadagnano popolarità per la peculiarità di consentire l’invio di immagini che si autodistruggono dopo un breve periodo, senza preoccuparsi delle conseguenze (gli sviluppatori affermano che 350 milioni di immagini al giorno sono spedite tramite il servizio e hanno recentemente rifiutato un’offerta di Facebook). Tra i teenager la tendenza è usare WhatsApp con i conoscenti, Snapchat e Twitter con gli amici intimi.

Fonte: www.macitynet.it

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • MEDIA
  • TECNO
  • ABOUT
  • CONTACT