Home»Città possibile»Svezia, sull’etichetta dei cibi anche le emissioni di CO2

Luca Pistolesi

La rivoluzione ecologica passa anche dal cibo. Ne sono ben consapevoli in Svezia, dove hanno introdotto sull’etichetta dei generi alimentari, oltre alle informazioni nutrizionali e alla provenienza, anche un conteggio delle emissioni di anidride carbonica necessarie per la produzione e la distribuzione dell’alimento. Un accorgimento che, secondo Swedish National Food Administration, potrebbe portare a una riduzione del 50% delle emissioni complessive del settore alimentare.

 Ad esempio, mangiare un frutto stagionale (come le fragole a maggio) “costa”, in termini di emissioni, molto meno che mangiarlo fuori stagione, perché in quel caso i frutti provengono da paesi esotici o da coltivazioni in serra.

Discorso simile può essere fatto per la carne. Non tutte le carni inquinano allo stesso modo: la carne di bovino inquina circa quattro volte di più della carne di pollo, poiché gli allevamenti bovini (la cui stragrande maggioranza sono in Sudamerica) sono i peggiori responsabili della deforestazione.

Conoscere quanto inquina ciascun alimento è il presupposto per effettuare delle scelte consapevoli e diffondere, quindi, una cultura ecologica anche nell’alimentazione. Lo sa bene la Svezia, che è il primo Stato nazionale ad essersi impegnato nell’emancipazione totale dai combustibili fossili per la produzione di energia (entro il 2020) e che intende sostituire tutte le auto a benzina entro il 2030.

Fonte: www.pianeta.it

 

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • WORLD NEWS
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT