Home»Ecologia»Agricoltura biologica»Tutti a Cuba per imparare a vivere senza petrolio

Chiedeva in un sondaggio Debora Billi su petrolio qualche giorno fa: Aumenti benzina: qual’è il vostro limite per rinunciare all’auto?

Ebbene se proprio siete tra quelli che non rinuncerebbero mai alla loro dose di benzina quotidiana sappiate che già i cubani hanno iniziato a fare a meno del petrolio nel 1990 e la loro storia è oggetto del documentario: How Cuba survived Peak oil. La pellicola diretta da Faith Morgan sarà oggetto dell’incontro Quattro passi nella transizione organizzato dal Gruppo Ferrara in transizione domani al Centro di meditazione del grattacielo. Ma questa è solo una delle tante occasioni per poter vedere questo documentario che certamente cambierà la prospettiva di molti in merito alla necessità che ha l’umanità del petrolio: ne possiamo fare benissimo a meno.

L’idea ecologica che emerge nel vedere il film è che una possibilità oltre il collasso dell’Isola di Pasqua esiste: approdare all’Isola di Cuba. Il Líder máximo Fidel Castro, quando nel 1990 sparì l’URSS e con essa la fornitura dell’80% di greggio all’isola dovette contenere la disperazione dei cubani. La prima mossa fu invitare tutti a coltivare il proprio orto, poi ospedali e scuole furono delocalizzati e avvicinati anche ai piccoli villaggi; infine furono invitati i massimi esperti di agricoltura biologica dall’Australia per rimettere in sesto i terreni cubani avviliti da anni di fertilizzanti chimici.

Per chi volesse una cronaca aggiornata su come si vive oggi a cuba nell’era del post peak oil può leggere il bel reportage di Luca Lombroso che ha anche girato il video in alto e che scrive: consiglio ai “picchisti” più scatenati di andarci al più presto, prima che crolli il sistema dei trasporti aerei o che il consumismo riesca a dilagare in quel paese. Forse dovremmo anzi organizzare viaggi alla scoperta di come Cuba riesce a vivere una situazione che noi difficilmente accetteremmo, con gente comunque sempre allegra, cortese, e senz’altro meno stressata di noi consumisti.

Fonte: www.ecoblog.it

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • WORLD NEWS
  • ECOLOGIA
  • MEDIA
  • ABOUT
  • CONTACT