Home»Diritti umani»Treviso, la clochard respinta bussa al convento, i frati chiamano la polizia

Domenica 05 Febbraio 2012) a Treviso c’erano -7 gradi e lei, una clochard di 60 anni, aveva già bussato a tutti i centri d’accoglienza della città. E tutti le hanno chiuso la porta in faccia: “Non c’è più posto”. Così ha provato a rifugiarsi nel convento dei Carmelitani Scalzi della città veneta, ma anche qui niente alloggio. “Siamo impossibilitati ad accoglierla” hanno detto i frati al 113 che nel frattempo avevano chiamato per segnalare la clochard nel loro giardino. La polizia è arrivata dopo poco e ha permesso alla donna di passare la notte nella sala d’aspetto della stazione dei treni, forse salvandole la vita, vista la temperatura polare.

Fonte: www.leggo.it

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • NONVIOLENZA
  • ABOUT
  • CONTACT