Home»Ecologia»Nuovo tipo di ceramica mangia smog e batteri

Foltran Luca

La notizia sembra incredibile ma il materiale è già in circolazione. A produrlo e svilupparlo un gruppo leader nella produzione di lastre di ceramica: si tratta di una ceramica in grado di “mangiare”  smog e batteri. A svilupparlo un gruppo leader nel settore della produzione di lastre di ceramica per pavimentazioni e rivestimenti.
Il materiale è a base di biossido di titanio, una sostanza chimica già impiegata nelle vernici, nella carta ed in campo tessile. Questa sostanza ha la capacità di velocizzare e implementare la degradazione delle sostanze inquinanti nell’aria.
Durante il processo produttivo di questo materiale innovativo, tramite trattamenti ad alta temperatura, il biossido di titanio è fissato sulle lastre in ceramica: si ottiene così un prodotto molto resistente agli agenti atmosferici. Sulla lastra, in presenza diaria e luce, naturale o artificiale,  si innesca un processo di ossidazione che porta alla decomposizione delle sostanze organiche ed inorganiche inquinanti.

Secondo alcuni studi, la presenza di sostanze inquinanti nell’aria si riduce fino al 70%, polveri sottili (PM10), gli ossidi di azoto (NOx) e i composti organici volatili (VOC), insieme a numerose altre sostanze pericolose per la nostra salute, vengono decomposti e trasformati in nitrati, solfati, carbonati.

Accanto a questa azione, il materiale svolge anche una funzione antibatterica, permettendone l’eliminazione, tra cui alcuni particolarmente pericolosi per la salute umana.

Studi condotti dal Dipartimento di Chimica e Fisica dell’università di Milano hanno dimostrato che una superficie di circa 100 metri quadrati di questo materiale, degrada in 6 ore una quantità di talune di queste sostanze, pari al lavoro giornaliero di circa 30 alberi.
Il prodotto sembra aver riscosso già grande successo in quanto è stato impiegato per la realizzazione di un ospedale negli Emirati Arabi, di un centro benessere in Austria e alcune strutture pubbliche in Italia.


eBook

One Response to "Nuovo tipo di ceramica mangia smog e batteri"

  1. francesca scacchetti   16 marzo 2012 at 13:12

    ..però l’inquinamento da industrie di biossido di titanio..è notevole
    credo che per respirarne meno..e avere nei luoghi dove viviamo meno inquinamento..dovremmo inquinare meno..non trovare materiali che lo assorbano..aumentandone quello esistente.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT