Home»Città possibile»Che città stiamo costruendo?

Matteo Della Torre

A San Ferdinando di Puglia i livelli irrazionali di traffico motorizzato e le sue dinamiche sono, proporzionalmente al numero di abitanti, molto simili a quelli delle grandi città italiane. L’inquinamento atmosferico nel nostro paese è dovuto per il 75% al traffico automobilistico.
Pur avendo un clima mite e una morfologia ideale per essere una città amica della bicicletta a San Ferdinando i cittadini che usano la bicicletta sono rari come le api in chiesa.

A che punto stanno le misure a favore della ciclabilità urbana? Ovviamente a Zero. E’ arrivato il momento in cui politica, associazionismo e società civile del nostro paese comincino ad interrogarsi sul tipo di città che stiamo costruendo. Una città avvelenata e sopraffatta dall’invadenza delle automobili o una città che riscopre una dimensione più umana?

Per fronteggiare la cancrena del traffico motorizzato, il Comune può mettere in campo una strategia di promozione della mobilità dolce (pedociclabile) alternativa all’uso dell’automobile ispirandosi agli esempi virtuosi che ci vengono dalle città del Nord Europa.

Il Piano – seguendo gli esempi di città amiche della bicicletta come Ferrara Amsterdam, Copenhagen, Trondheim, Bolzano, Mestre – propone un cambio di paradigma della mobilità urbana: trasferire su bicicletta il traffico motorizzato per percorrenze cittadine sotto i 3 km, che costituisce il 50% del traffico in auto dei sanferdinandesi (mentre il 35% è inferiore ai 4 km), attraverso la realizzazione di infrastrutture adeguate (piste ciclabili, moderazione del traffico, cicloparcheggi) e indurre, attraverso una puntuale opera educativa, gli automobilisti ad optare per l’utilizzo quotidiano della bicicletta.

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • MEDIA
  • LOCAL
  • ABOUT
  • CONTACT