Home»Ecologia»Emiliano vieta i fuochi di Capodanno “I vigili fotograferanno i trasgressori”
Fuochi d'artificio sequestrati

Raffaele Lorusso

Capodanno senza botti. Michele Emiliano spegne fuochi e giochi pirotecnici. Saranno tassativamente vietati. Il sindaco firmerà l’ordinanza questa mattina. Una decisione maturata dopo le numerose richieste giunte sul profilo Facebook del primo cittadino. È lo stesso Emiliano ad annunciare la svolta ai propri fan. “A furor di popolo (qui sono decine e decine le sollecitazioni)  –  scrive  –  ho deciso di adottare l’ordinanza che vieta i botti di Capodanno al fine di tutelare la sicurezza delle persone e di altri esseri viventi. Domattina firmerò il provvedimento. È chiaro che si tratta di un inizio e che i risultati probabilmente non saranno decisivi. Ma è evidente che Bari deve e può fare questo ulteriore salto di civiltà”.

Il sindaco vorrebbe che gli unici botti fossero quelli dei tappi di spumante allo scoccare della mezzanotte. Non sarà facile, ma l’annuncio di sanzioni pesanti potrebbe funzionare da deterrente. Anche se, come sempre, sarà difficile controllare. Emiliano è moderatamente ottimista. “L’ordinanza antibotti  –  spiega ancora su Facebook  –  conterrà la disposizione a tutte le forze dell’ordine di riprendere con telecamere e macchine fotografiche i balconi dai quali partiranno i fuochi, elevando le multe nei confronti dei proprietari ed affittuari che autorizzeranno l’uso dei balconi per tale scopo. Le sanzioni ammonteranno a centinaia di euro e costituiranno reato penale”. 

Non è detto che basti, ma la decisione del sindaco trova subito il plauso della comunità virtuale di Facebook. Di botti, del resto, si può anche morire. Il bilancio delle vittime dei fuochi pirotecnici, all’inizio di ogni anno, somiglia sempre a un bollettino di guerra. È questa spirale di morti e feriti che Michele Emiliano spera di interrompere. Le prime avvisaglie, del resto, si sono registrate già nella notte di Natale, con feriti gravi sia in città sia in provincia. 

Un provvedimento simile è stato adottato appena due giorni fa dal sindaco di Torino, Piero Fassino, che ha vietato i botti di Capodanno per tutelare la salute degli animali. Nel capoluogo piemontese sono state previste multe fino a 500 euro e la denuncia penale (viene contestato il reato di maltrattamento di animali). Nell’ordinanza del sindaco Michele Emiliano le sanzioni dovrebbero essere quelle previste dall’articolo 650 del codice penale (inottemperanza all’ordine dell’autorità): ammenda fino a 250 euro e denuncia penale. La sfida consisterà nel far rispetta¬re l’ordinanza. Già nelle prossime ore scatteranno i controlli preventivi per scovare i botti illegali ed evitare che siano venduti. Un superlavoro attende poi le forze dell’ordine nella notte di Capodanno. Sotto osservazione finiranno soprattutto i quartieri più caldi: Bari vecchia, Libertà, San Paolo e alcune zone di Japigia. “Tutta la città sarà tenuta sotto controllo  –  assicura Michele Emiliano  –   Chi sgarra sarà denunciato”.

Fonte: www.repubblica.it

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • NONVIOLENZA
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT