Home»Articoli»Maltempo, Wwf: 12 punti per evitare nuovi disastri
Alluvione in Liguria

Valentina Ierrobino

L’evento tragico di Genova era stato annunciato come eccezionale, era quindi prevedibile e non è stato tra i peggiori, nel 1970 scese molta più acqua. Non reggono quindi le giustificazioni di molti politici. La situazione è complessa e non ha risoluzioni semplici nè tanto meno a breve periodo. Dopo i fatti della Lunigiana e di Genova s’impone urgente l’individuazione di un’agenda temporale alla quale le istituzioni, dal Governo ai Comuni, devono impegnarsi.

Così il Wwf ha commentato la situazione in Italia. Evitare i danni è possibile, con metodi logici e soprattutto con azioni di prevenzione.

L’associazione ambientalista ha individuato una serie di 12 punti da mettere in atto per non ripetere gli errori dei giorni scorsi:

1. Evitare ulteriori vittime attraverso piani di sicurezza specifici della Protezione civile per interdire aree a rischio e per informare la popolazione sulla reale gravità del maltempo affinché i cittadini sappiano agire di conseguenza;

2. Rispettare le leggi. Bisogna ristabilire il rapporto di inedificabilità della fascia di 10 metri dai corsi d’acqua stabilito dal Dlgs. 152/2006. In Ligura tale decreto legislativo è stato ridimensionato e si sono concesse delibere per costruzioni distanti solamente 3 metri dai corsi d’acqua;

3. Cambiare le regole dannose. Si devono eliminare per le aree a rischio idrogeologico tutti i meccanismi urbanistici che favoriscano l’edificazione nei Comuni e il guadagno di questi ultimi per le nuove aree edificabili;

4. Favorire il ripristino delle fasce fluviali lungo i corsi d’acqua non si deve costruire, ma realizzare parchi, giardini, mettere in atto i Piani di sviluppo rurale;

5. Ridurre i danni a strutture ed edifici. In Inghilterra, Stati Uniti e Germania si interviene con Dry-proof  per impedire o limitare l’ingresso dell’acqua nelle abitazioni (ad esempio con infissi a tenuta stagna, barriere mobili per porte e finestre), e con Wet-proof per aumentare la resistenza negli interni quando l’acqua vi è entrata (con interventi di elevazione delle apparecchiature elettriche, o sistemi di ancoraggio per apparecchiature);

6. Ridurre l’impermeabilizzazione dei centri urbani e del territorio per favorire la permeabilità dell’acqua nel terreno;

7. Istituire Autorità di distretto per il controllo delle acque e del territorio;

8. Pianificare e progettare a livello di bacino idrografico;

9. Garantire l’interdisciplinarietà nella progettazione delle misure e degli interventi di difesa del suolo;

10. Avviare un’azione di rinaturazione del territorio per recuperare la ritenzione delle acque di montagna;

11. Avviare un cambio di cultura, a partire dalla scuola per comprendere al meglio il rapporto uomo-ambiente;

12. Promuovere piani partecipati per la difesa del suolo e la tutela delle acque.

Fonte: www.ecologiae.com

eBook

One Response to "Maltempo, Wwf: 12 punti per evitare nuovi disastri"

  1. igor bolsi   9 novembre 2011 at 18:22

    se non si investe nel risanamento idrogeologico del territorio queste sciagure potranno soltanto aumentare; oggi la priorità è far crescere una nuova società di uomini che pensano al benessere collettivo e non soltanto a quello individuale: la sicurezza di uno è la sicurezza di tutti!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT