Home»World News»Africa»Kyoto bis, UE a Durban con strategie concrete per la riduzione delle emissioni
Durban Climate Change Conference 2011

AlterEco

Come si presenterà l’Europa all’appuntamento con la Conferenza delle Parti di Durban? La COP17, in programma dal 28 novembre al 9 dicembre prossimo in Sudafrica, rischia di essere l’ennesimo buco nell’acqua dopo Copenhagen e Cancun, se non si presentano proposte concrete per la riduzione delle emissioni, o meglio misure vincolanti e di portata globale.

La Commissione Europea vuole farsi promotrice di una strategia più rigida ed efficace nella lotta al riscaldamento globale. Connie Hedegaard, commissario europeo preposto alle politiche contro i cambiamenti climatici, crede infatti che Durban sia un’opportunità importante per cambiare le cose. Ecco perché sarebbe il caso di non presentarsi a mani vuote, stilando un programma ben definito per la riduzione delle emissioni e cercando poi di promuoverlo a livello globale.

La risoluzione del 26 ottobre 2011 adottata dalla Commissione prevede un appoggio ancora più deciso agli obiettivi già stabiliti dal protocollo di Kyoto ed una ulteriore riduzione delle emissioni da qui al 2020 (oltre il 20% prefissato, ndr), proseguendo con un Kyoto bis dal 2013 al 2018. Una misura restrittiva che dovrebbe coinvolgere stavolta anche il trasporto aereo e marittimo. Le emissioni degli aerei ne sarebbero interessate già dal primo gennaio prossimo.

La crisi economica, infine, non dovrà più essere una scusa per non agire contro i cambiamenti climatici. A ricordarlo Jo Leinen, a capo della delegazione UE che sbarcherà in Sudafrica tra pochi giorni. Riusciranno i nostri eroi…?

Fonte: www.ecoblog.it

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • WORLD NEWS
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT