Home»Ecologia»La casa in legno che resiste al sisma dell’Aquila
Casa di legno antisismica

Una struttura di quattro piani che resta intatta dopo aver subito un’accelerazione del 70% superiore a quella registrata nel capoluogo abruzzese. A Pavia il test.

Martina Pennisi

Test superato a pieni voti: ieri pomeriggio, nel laboratorio del Centro europeo di formazione e ricerca in ingegneria sismica (Eucentre) è stata sottoposta, per la prima volta sul suolo comunitario, una casa di legno di quattro piani a un test sismico su una tavola vibrante. La struttura, dotata di porte e finestre e arredamento interno verosimile, ha risposto a un’accelerazione del 70% superiore a quella registrata in occasione del terremoto de L’Aquila (1,1 g rispetto a 0,65 g) dell’aprile del 2009, senza riportare danni significativi alla struttura portante. 

“E’ importante segnalare“, spiega il direttore del laboratorio Alberto Pavese, “che l’intera struttura si è comportata bene. Non si sono registrati danni alle finestre, porte o gli arredi”. E’ inoltre doveroso sottolineare, secondo Pavese, che “in molti casi i maggiori danni alle persone sono causati da crolli non strutturali (per esempio, un armadio carico di libri, ndr) ed è auspicabile “bloccare i mobili in sommità: come si vede nel filmato i mobili fissati con il fil di ferro si muovo ma non si ribaltano, mentre quelli non fissati si sono ribaltati”. Stessa cosa per il monitor del computer appoggiato che si è ribaltato e per quello dotato di velcro che è rimasto fermo. “Piccoli accorgimenti mossi da buonsenso che possono fare la differenza”, chiosa Pavese, anticipando che in futuro verranno effettuati altri esperimenti con accelerazioni maggiori.

Per capire qualcosa in più in merito all’abitazione utilizzata durante l’esperimento ci siamo rivolti a Kurt Schöpfer, amministratore delegato della società che l’ha progettata e costruita, la Wolf House. ” Si tratta di una classica struttura in legno a telaio (sono presenti travi e pannelli di masonite, ndr) , ed essendo molto elastica smorza le forze sismiche che sono proporzionali alle masse. Rispetto al cemento armato, per esempio, che pesa quattro volte in più del legno subisce forze quattro volte inferiori”, spiega Schöpfer. “Il bello è che queste strutture non sono nate in ottica antisismica, ma per favorire il risparmio energetico. Rispetto a una tradizionale abitazione in mattone degli anni ottanta il risparmio energetico è dell’80-90% (consumo di gasolio, ndr) , aggiunge. Lo spunto per il test avvenuto a Pavia risiede nella presenza di 550 appartamenti di Wolf House situati a L’Aquila dopo il sisma e nella volontà di testare la resistenza degli stessi. Le case Wolf costano circa 1.500 euro a metro quadro.

Fonte: www.wired.it

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • MEDIA
  • ABOUT
  • CONTACT