Home»Articoli»Un filo nero tra Oslo e l’Italia
Strage in Norvegia

 Paolo Biondani e Gigi RivaI 

I retroscena della strage norvegese: dirigenti di Forza Nuova, esponenti di Fiamma Tricolore, nostalgici e neonazisti. Ma anche nomi a caso.

Ci sono neonazisti, neofascisti, teste rasate, razzisti, predicatori di odio contro islamici, rom ed ebrei. Ci sono politici di estrema destra, giovani ultras delle curve e integralisti religiosi che sognano nuove crociate cristiane. C’è un intero blocco di militanti e dirigenti di Forza Nuova, dalle basi regionali alla sede centrale. Ma c’è anche l’ignaro carrozziere di Sassuolo, la negoziante di scarpe monzese, la scuola elementare di Bolzano o l’esoterico allevatore di “blatte da pasto” per serpenti. Poco prima di scatenare le sue stragi, Anders Behring Breivik, 32 anni, il terrorista di destra norvegese che nel pomeriggio del 22 luglio ha ucciso 76 innocenti tra Oslo e l’isola di Utoya, aveva spedito un’e-mail con un appello a diffondere il suo manifesto ideologico: un proclama di 1.500 pagine per combattere «l’islamizzazione dell’Europa»

Il messaggio è partito dal suo computer alle 14.08. Alle 15.25 la capitale norvegese veniva squarciata dalle prime esplosioni, seguite dal massacro di decine di giovani laburisti. Nell’allegato, Breivik teorizzava «l’uso del terrorismo come mezzo per risvegliare le masse» e si aspettava di passare alla storia come «il più grande mostro dopo la seconda guerra mondiale». 

L’e-mail, con un messaggio introduttivo di 82 righe in inglese, è stata inviata a un migliaio di indirizzi tra Europa e Nord America. In Italia l’hanno ricevuta almeno 117 destinatari. Breivik scrive di averli selezionati su Facebook tra i suoi «amici» o tra gli «amici di un mio amico». “L’Espresso” ha recuperato l’e-mail con tutti gli indirizzi, rimasta accessibile su un sito finlandese, e ne ha verificato l’autenticità, cercando di identificare gli italiani che l’hanno ricevuta. E di capire con che logica siano stati scelti. Nessuno ricorda di averlo mai conosciuto. Il fatto di ricevere un’e-mail da uno sconosciuto non prova nulla. Tantomeno una complicità. La gravità della strage, però, ha spinto le polizie di vari Stati, coordinate da Europol, a indagare su possibili contatti all’estero: firmandosi «comandante giustiziere dei cavalieri templari europei» e «uno dei numerosi leader del movimento di resistenza patriottica », infatti, il terrorista sostiene di aver elaborato le sue teorie «con l’assistenza di fratelli e sorelle in Inghilterra, Francia, Germania, Svezia, Austria, Italia, Spagna, Finlandia, Belgio, Olanda, Danimarca, Stati Uniti». 

In Italia Anders mostra di avere una spiccata predilezione per Forza Nuova, il partito di estrema destra fondato da Roberto Fiore, l’ex cassiere di Terza Posizione, condannato per banda armata, che non ha mai scontato la pena, vivendo da latitante a Londra, dove è diventato un ricco imprenditore, fino alla prescrizione. Il norvegese ha inviato il suo proclama a varie sedi ufficiali del movimento neofascista, da Roma a Milano, da Massa a Cavarzere, e a un plotone di militanti e dirigenti. 

Il vertice nazionale di Forza Nuova non ha pubblicizzato né commentato l’evento, almeno ufficialmente. Dopo la strage, solo qualche esponente locale ha denunciato alle autorità, «a titolo individuale», di aver ricevuto l’e-mail. «Ho presentato un esposto alla procura, che ha aperto un’inchiesta», conferma Massimiliano Catanzaro, l’avvocato civilista che fino a un mese fa guidava Forza Nuova a Catania: «Non ho mai conosciuto Breivik, ovviamente condanno le sue stragi, e non so come né da chi ha avuto il mio nome». 

Lo stragista di Oslo sembra aver ottenuto un indirizzario di Forza Nuova: pensa che gliel’abbia passato qualche italiano? «Non lo so. Posso immaginarlo, ma non voglio interferire con le indagini». L’e-mail dell’orrore è stata spedita a molti altri esponenti di Forza Nuova, come il coordinatore per il Sud Giuseppe Bonanno Conti, la dirigente veneta Diletta Carlesso, già candidata a Vicenza, un militante anti-rom di Pavia o un fascistello di Cavarzere che apre il suo profilo con frasi come “Dux mea lux” e “Sieg Heil”. 

Nutrita anche la pattuglia di sostenitori delle altre anime dell‘estremismo nero, dalla Destra di Storace a CasaPound, dalla Fiamma Tricolore a Patria Nostra. L’ha ricevuta, ed è andato a segnalarlo alla Digos e alla polizia postale anche Alberto Ferretti, 50 anni, coordinatore regionale per l’Emilia Romagna del movimento Progetto nazionale e figlio di Carlo, uno dei fondatori del Msi. Ferretti è stato collaboratore del centro culturale Lepanto (la battaglia che vide contrapposte nel 1571 la flotta ottomana e quella della Lega Santa cristiana). Dell’e-mail dice: «L’ho trovata dopo qualche giorno, era finita nello spam. Gli inquirenti hanno già fatto la mappatura del mio computer e la magistratura di Bologna ha aperto un’indagine conoscitiva». Non conosce Breivik e «naturalmente non ne condivido le idee. Quel documento non è circolato negli ambiti della destra politica e non c’è una ratio nella scelta degli interlocutori da parte del terrorista». Però sono quasi tutti di estrema destra.Un filo nero tra Oslo e l’Italiadi Paolo Biondani e Gigi Riva(11 agosto 2011)

C’è persino un parlamentare belga, Tanguy Veys, di Vlaams Belang, Interesse fiammingo, formazione razzista e xenofoba. Il quale ha preso carta e penna e ha scritto una lettera all’ambasciatore norvegese per dare solidarietà e negare ogni rapporto con Breivik. Per tornare in Italia, la posta elettronica è arrivata anche a Cuneo, all’indirizzo di Giacomo Fantini, ex segretario provinciale da poco uscito da Fiamma Tricolore. Non se ne era accorto e sostiene di aver scoperto la scottante e-mail solo grazie a “l’Espresso”. Adesso, aggiunge, «cercherò di capire qual è l’amico di Facebook che è il tramite col norvegese ». Nel suo profilo sul social network le cose che «gli piacciono» appartengono tutte all’immaginario della  destra estrema, da Mishima a Céline, al libro “Militia” di Léon Degrelle. 

Tra gli “amici” c’è Adriano Tilgher, oltre al sito ufficiale del partito radicale serbo, ultranazionalista, il cui leader Vojislav Seselj è sotto processo all’Aja per crimini contro l’umanità. L’area balcanica è molto rappresentata nella lista di Anders. Ci sono anche miliziani emigrati in Italia che postano video ustascia. 

Molte e-mail sono intestate a nomi di fantasia, come legionario_83, enigmista85, maledetto_500, che però riportano a contatti Internet di persone riconoscibili. Gli indirizzi più sospetti, tra quelli italiani (col suffisso .it), sono una quindicina: sui motori di ricerca compaiono una sola volta, soltanto nell’e-mail di Breivik, come se fossero un recapito clandestino da usare per contatti riservati. Con nome e cognome c’è Guglielmo Rinaldini, che nel suo blog si presenta come dirigente della “polizia parallela” di Gaetano Saya, vanta legami con i servizi segreti e pubblica presunti messaggi di ringraziamento attribuiti a Berlusconi e Castelli. Anche Simone Balestro, un giovane sostenitore di CasaPound, pubblica sul blog le sue foto con i leader della destra: nell’ordine, «io e Storace» e poi Buontempo, Fiore e il ministro La Russa. Nel sottobosco in cui Anders sognava di reclutare patrioti italiani, dominano i profili di appassionati di armi, arti marziali, culturismo, ma anche di skinhead veneti, ultras romani o piemontesi, metallari patiti delle band di estrema destra. I riferimenti culturali spaziano dall’esoterismo al neopaganesimo, ma i chiodi fissi sono la difesa dell’Europa cristiana e lo stop all’islam. Qualche indirizzo richiama il nome di Mussolini o il nazionalsocialismo. Mentre le cifra 14 e 88, unite o separate, alludono al fondatore del Ku Klux Klan e allo slogan Heil Hitler. Nella lista di Breivik compaiono anche i recapiti di una decina tra negozi, aziende, studi professionali. Un’impresa edile, in effetti, è gestita da un militante di Forza Nuova. 

Così come un indirizzo rimanda alla palestra romana di Lucifero Pipero Panaccione, pugile romano degli anni 1920-30 ed eroe del fascismo. Ma nel passaggio agli «amici degli amici», il terrorista nordico sembra aver preso qualche cantonata. Tanto da spedire il suo proclama a un’erborista pacifista, una lesbica esplicita, un’associazione letteraria e (pochi) altri indirizzi senza alcun contatto estremista. Il più sopreso è un carrozziere di Sassuolo, M. M.: «Ora capisco cos’era quella roba. Io non so neanche l’inglese, l’avevo buttata via». Qualche idea sul tramite con Anders? «Sono un tiratore sportivo, ma sparo solo con amici carabinieri e poliziotti. E ho un cugino di Forza Nuova. Ma non sono mica un terrorista: ho votato centrodestra, però mio nonno era partigiano». 

Ora le indagini e una domanda che buona parte dei destinatari della mail, al di là delle responsabilità penali, si deve pur porre: dove finisce quell’area grigia che delimita la propaganda razzista e dove comincia quel terreno di consenso che Anders Breivik si è sentito attorno?

Fonte: www.espresso.repubblica.it

eBook

One Response to "Un filo nero tra Oslo e l’Italia"

  1. Guglielmo Rinaldini   14 settembre 2011 at 12:31

    Siete diffamatori professionisti. Mi occupavo con Saya di antiterrorismo e me ne occupo anche oggi tramite lo Strategic Intelligence Division. Non conosco il terrorista ma è chiaro il motivo per cui mi ha contattato: per lavoro devo monitorare i gruppi estremisti. Guglielmo Rinaldini.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • WORLD NEWS
  • ABOUT
  • CONTACT