Home»Ecologia»GREENPEACE: MORATORIA DEL GOVERNO INUTILE. IL REFERENDUM SPAZZERÀ VIA IL NUCLEARE
Centrale nucleare

Greenpeace

La moratoria sul nucleare approvata oggi dal Consiglio dei Ministri è considerata da Greenpeace una foglia di fico con la quale l’esecutivo tenta di confondere le acque per dare a intendere ai cittadini che del referendum di giugno non c’è più bisogno.
Il voto popolare del referendum segnerà la definitiva sconfitta dei piani di ritorno al nucleare in Italia e sanzionerà la sciatteria di questo esecutivo, che si muove più come un piazzista dell’atomo che come un’istituzione a garanzia e tutela della salute e del benessere del paese” sostiene Salvatore Barbera, responsabile della campagna Nucleare di Greenpeace Italia.

È ormai appurato come l’opinione pubblica italiana sia fermamente contraria al nucleare. Secondo Greenpeace, il governo ha svolto per mesi un’azione di disinformazione nei confronti della cittadinanza; e ha colpito duramente il settore delle energie rinnovabili, per assecondare gli indirizzi di Enel e arricchire l’industria nucleare francese.

La tragedia di Fukushima – prosegue Barbera – li ha colti sul fatto: e ora che tutte le Regioni hanno espresso la loro contrarietà a ospitare nuove centrali, l’esecutivo non sa più dove andare a parare. Smettano pure d’arretrare confusamente dai loro piani: sarà il referendum a chiarire per sempre che l’Italia dice “no al nucleare” e che governo e lobby nucleari possono riporre definitivamente i loro insani progetti”.

Fonte: www.greenpeace.org/italy

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT