Home»Ecologia»La Ue manda in Campania 007 francesi per indagare sull’emergenza rifiuti
Monnezza Napoli

Per capire il sistema emergenza rifiuti in Campania arriveranno gli 007 del Biois, il Bio intelligence service. Gli esperti analizzeranno la storia della monnezza e di come sia stato tenuto in piedi il disastro ambientale. I controlli ci sono perché i conti all’Europa non tornano, sopratutto prima di versare altri soldi alle casse della Regione Campania per consentire il ripristino della normalità.

Qualche giorno fa vi raccontavo della minaccia dell’Europa: niente raccolta dei rifiuti, niente soldi. Ossia Bruxelles vuole essere certa che a fronte del versamento di fondi vi sia un piano rifiuti. Detto fatto: il piano è stato presentato ma per la verità consiste nella creazione di tre nuove discariche (vietate dalla Ue), nella costruzione di due inceneritori e di un impianto Stir.

L’Europa, perciò visto il fallimentare piano ha deciso di intervenire direttamente. Riporta Il Mattino (18 gennaio 2011 pag. 41) la dichiarazione di Maria Pia Bucella, uno dei commissari europei che segue la vicenda dei rifiuti in Campania:

Stiamo studiando il materiale che abbiamo ricevuto e tra un paio di settimane avremo le idee più chiare. Per il momento non ho capito dove finiranno i rifiuti campani fino al momento in cui saranno realizzati gli impianti di compostaggio e termovalorizzazione.

E’ la stessa domanda che si fanno i cittadini.

Fonte: www.ecoblog.it

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT