Home»Foto»1977: Berlusconi e la pistola

Silvio Berlusconi e il revolver - Foto: Alberto Roveri

Il fotografo Alberto Roveri decide di trasferire il suo archivio in formato digitale. E riscopre così i ritratti del primo servizio sul Cavaliere. Immagini inedite che raccontano l’anno in cui è nato il suo progetto mediatico. Con al fianco Dell’Utri. E un revolver sul tavolo per difendersi dai rapimenti.

Gianluca Di Feo

Formidabile quell’anno. È il 1977 quando il Dottore, come l’hanno continuato a chiamare i suoi collaboratori più intimi, diventa per tutti gli italiani il Cavaliere: il cavaliere del Lavoro Silvio Berlusconi. L’onorificenza viene concessa dal presidente Giovanni Leone all’imprenditore quarantenne che ha tirato su una città satellite, sta comprando la maggioranza del “Giornale” di Indro Montanelli e promette di rompere il monopolio della tv di Stato.

È l’anno in cui il neocavaliere stabilisce rapporti fin troppo cordiali con il vertice del “Corriere della Sera” e in un’intervista a Mario Pirani di “Repubblica” annuncia di volere schierare la sua televisione al fianco dei politici anticomunisti. Fino ad allora lo conoscevano in pochi e soltanto in Lombardia: era il costruttore che aveva inventato Milano Due, la prima new town che magnificava lusso, verde e protezione a prova di criminalità. Il segno di quanto in quella stagione di terrorismo e rapine, ma soprattutto di sequestri di persona, la sicurezza fosse il bene più prezioso. E lui, nella prima di queste foto riscoperte dopo trentatre anni, si mostra come un uomo d’affari che sa difendersi: in evidenza sulla scrivania c’è un revolver. Un’immagine che riporta a film popolari in quel periodo di piombo, dai polizieschi all’italiana sui cittadini che si fanno giustizia da soli agli esordi pistoleri di Clint Eastwood. “Con una Magnum ci si sente felici“, garantiva l’ispettore Callaghan e anche il Cavaliere si era adeguato, infilando nella fondina una piccola e potente 357 Magnum.

È stato proprio quel revolver a colpire oggi il fotografo Alberto Roveri mentre trasferiva la sua collezione di pellicole in un archivio digitale: “Le stavo ingrandendo per ripulirle dalle imperfezioni quando è spuntata quell’arma che avevo dimenticato“. Come in “Blow Up” di Antonioni, a forza di ingrandire il negativo appare la pistola: “All’epoca quello scatto preso da lontano non mi era piaciuto e l’avevo scartato“. Roveri era un fotoreporter di strada, che nel 1983 venne assunto dalla Mondadori e negli anni Settanta lavorava anche per “Prima Comunicazione”, la rivista specializzata sul mondo dei media: “Quando nel 1977 il direttore mi disse che dovevo fare un servizio su Berlusconi, replicai: “E chi è?”. Lui rispose: “Sta per comprare il “Giornale” e aprire una tv. Vedrai che se ne parlerà a lungo””.

Quella che Roveri realizza è forse la prima serie di ritratti ufficiali, a cui il giovane costruttore volle affidare la sua immagine di vincente. L’incontro avvenne negli uffici Edilnord: “Fu di una cordialità unica, ordinò di non disturbarlo e si mise in posa. Con mio stupore, rifiutò persino una telefonata del sindaco Tognoli”. Il solo a cui permise di interromperlo fu Marcello Dell’Utri, immortalato in un altro scatto inedito che evidenzia il look comune: colletti inamidati e bianchi, gemelli ai polsini, pettinature simili. Sono una coppia in sintonia, insieme hanno creato una città dal nulla, con un intreccio di fondi che alimentano sospetti e inchieste. Una coppia che solo pochi mesi dopo si dividerà, perché Dell’Utri seguirà un magnate molto meno fortunato: Filippo Alberto Rapisarda, in familiarità con Vito Ciancimino. Tornerà indietro nel 1982, organizzando prima il colosso degli spot, Publitalia, e poi quello della politica, Forza Italia.

La loro storia era cominciata nel 1974, trasformandosi da rapporto professionale in amicizia. Dell’Utri è anche l’amministratore di Villa San Martino, la residenza di Arcore. E dopo pochi mesi vi accoglie uno stalliere conosciuto a Palermo che fa ancora discutere: Vittorio Mangano, poi arrestato come assassino di Cosa nostra. Una presenza inquietante, che per la Procura di Palermo suggella le intese economiche con la mafia in cambio di tutela contro i sequestri. Nel 1977 però Mangano è già tornato in Sicilia. E Berlusconi tanto sereno non doveva sentirsi, come testimonia il revolver nella fondina. Ricorda il fotografo Roveri: “Dopo più di due ore di scatti mi invitò a pranzo ma prima di uscire tirò fuori da un cassetto due pistole, una per sé e una per l’autista. Di fronte alla mia sorpresa, si giustificò: “Ha idea di quanti industriali vengono rapiti?”. Poi siamo saliti su una Mercedes che lui definì “blindatissima” per raggiungere un ristorante a soli 200 metri da lì”.

Fonte: L’Espresso

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ABOUT
  • CONTACT