Home»Articoli»Parco comunale in vergognoso stato di abbandono

Parco comunale: Incuria al buio

Matteo Della Torre

Nelle mie quotidiane peregrinazioni urbane in bicicletta nel traffico, ho notato che il 10 agosto 2010, il Parco comunale “Giuseppe Di Vittorio” di san Ferdinando di Puglia, dopo 8 anni insensata chiusura, aveva i cancelli stranamente aperti. E allora, da bravo cittadino attivo, sono entrato per fare un sopralluogo e per constatare ancora una volta l’evidenza: il vergognoso stato di abbandono in cui versa da quasi un decennio il nostro povero Parco lasciato al suo destino dalla nostra classe politicadistratta” (qui una definizione “periferica” è d’obbligo).

Il Parco era quasi totalmente al buio (18 punti luce erano inattivi), e sarebbe stato deserto se non fosse per la presenza discreta di due giovani che si dondolavano sulle altalene arrugginite e cigolanti. E come poteva essere diversamente dato che i campioni della politica nostrana sono riusciti nella poco nobile impresa di far scomparire la memoria collettiva dell’esistenza stessa del Parco? Un Parco chiuso da un decennio è un parco che, di fatto, non esiste nella mente dei cittadini neppure come possibilità remota ed ardita. Una pura astrazione che fa rivivere i peggiori incubi orwelliani.

Recinzione Parco

Eppure nel mese di novembre del 2009 qualcosa sembrava essersi sbloccata.

L’amministrazione di centro-destra aveva approvato una delibera (D.G. n. 788 del 9.11.2009) che prevedeva “lo smontaggio della recinzione” del Parco, posta a carico di una ditta privata (ME.CO. s.r.l.) che avrebbe realizzato l’opera con il ricavato della vendita del metallo della recinzione; mentre il comune avrebbe speso altri 10 mila euro per il potenziamento dell’illuminazione e l’installazione di due telecamere.

Cosa ne è stato di questo progetto rimasto ai blocchi di partenza? In cosa l’attuale amministrazione di centrodestra ha saputo differenziare la sua proposta politica delle aree pubbliche da quella centralista e “piazzaiola” che ha caratterizzato 15 anni di governo del centrosinistra?

Incuria parco comunale

Tra pochi giorni avverrà la consueta e vergognosa chiusura ad orologeria del Parco comunale per altri 350 giorni, non appena saranno partiti gli ultimi vacanzieri. E a nulla valgono le dichiarazioni d’intenti e i buoni propositi dell’amministrazione comunale ai quali, dopo tre anni di promesse mancate, non crede più nessuno.

Matteo Della Torre

Per approfondire: “Parco comunale: incuria al buio” (Video)

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • LOCAL
  • ABOUT
  • CONTACT