Home»Ecologia»Agricoltura biologica»Rischio contaminazione OGM in Italia. Scrivi al Presidente della Repubblica.
Rischio contaminazione OGM

Greenpeace

In questi giorni stiamo rischiando la prima estesa contaminazione da OGM in Italia, a causa di una presunta semina – che sarebbe assolutamente illegale – di mais transgenico in un campo in Friuli, nel Comune di Fanna (Pn). Lo scorso 10 luglio il terreno “sospetto” è stato posto sotto sequestro, ma la Procura di Pordenone, invece di intervenire d’urgenza, si è presa un mese di tempo per la verifica delle analisi e la stesura della perizia.

Aspettare agosto è assurdo! Le analisi molecolari per l’accertamento della presenza di OGM sui campioni – che sono già stati prelevati da tempo – non richiedono più di tre giorni! Ormai quel mais è in fase avanzata di maturazione: ancora pochi giorni e queste piante produrranno il loro polline, che si disperderà in ambiente e darà il via a una contaminazione difficilmente arrestabile.

Non possiamo star fermi a guardare! Per questo ti invitiamo a scrivere insieme a Greenpeace e a tutta la Task Force per un’Italia Libera dagli OGM al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Nella sua funzione di Garante delle norme e della loro applicazione, chiediamo al nostro Presidente di intervenire con urgenza sulla Procura di Pordenone per scongiurare ogni ipotesi di contaminazione da piante transgeniche.

Se come noi, vuoi impedire che gli OGM contaminino l’ambiente e l’agricoltura, invia anche tu la lettera al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.


Federica Ferrario

Responsabile Campagna OGM
Greenpeace Italia


eBook

3 Responses to "Rischio contaminazione OGM in Italia. Scrivi al Presidente della Repubblica."

  1. Davide   29 luglio 2010 at 16:58

    I link alle ricerche della scienza indipendente te li avevo inseriti, ma li hai cancellati.

    Ti inserisco quello di slowfood: sono contro gli OGM, ma non hanno potuto negare l’evidenza in una ricerca troppo pubblicizzata da loro stessi.

    Io mangio gli OGM, e quando sono in Italia lo faccio addirittura illegalmente, come se sniffassi cocaina, proprio per salvaguardare la mia salute… le fumonisine ti dicono qualcosa?

    E non mi rispondere che preferisci il biologico, perché il biologico è una chimera e un’agricoltura inudustriale basata sul biologico sarebbe impossibile, desinata a collassare su se stessa e per pochi privilegiati

  2. admin   29 luglio 2010 at 14:58

    Buon per te che tu abbia così solide convinzioni sulla assoluta innocuità degli OGM (Organismi Geneticamente Modificati). Per quanto mi riguarda, fino a quando la scienza indipendente (non quella finanziata dalle multinazionali delle sementi OGM) non si pronuncerà in modo inequivocabile sulla non pericolosità in assoluto (anche di lungo periodo) per l’uomo e per l’ambiente dei prodotti OGM, aderendo al principio della PRECAUZIONE non solo non li acquisterò consapevolmente, ma cercherò di evitarli per quanto mi è possibile.

  3. Davide   29 luglio 2010 at 14:19

    La contaminazione da OGM è una bufala ideologica di rara grandezza:

    Numerose sono le ricerche, quelle vere non quelle fatte da multinazionali OGM o da agenzie non governative tipo GreenPeace, che dimostrano come la contaminazione sarebbe evitata già a distanze di pochi metri per il riso e poche decine per il mais.

    Addirittura realizzare il porta innesto per piante da frutto, per evitare gli attacchi di determinati insetti, crea frutti completamente OGM Free.

    Io li mangio da oltre 10 anni, quando in Italia cominciavano ad essere uno spauracchio, e le mie condizioni fisiche sono perfette, anzi posso mangiare prodotti che altrimenti mi sarebbe impossibile mangiare.

    Un saluto e buona vita

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT