Home»Articoli»La Selva di Chiaiano, il parco delle sorprese

Cava nella Selva do Chiaiano

Trailer di un documentario di 37 minuti ancora inedito. Di Cecilia Anesi e Giulio Rubino. Musiche e Montaggio di Gianmarco Giometti.

La Selva di Chiaiano è l’ultimo grande polmone verde della città di Napoli ed è parte integrante del Parco Metropolitano delle Colline. È caratteristica per la sua particolare conformazione geologica: contiene cinquantatre cave di tufo giallo Napoletano, di cui una decina di grandi dimensioni, che sono oggetto dei progetti di riqualificazione ambientale voluti dallEnte Parco.

Nello specifico, la ex Cava Comunale dovrebbe ospitare un bosco umido e la Cava Sposito dovrebbe diventare un lago balneabile con stazione fotovoltaica di nuova generazione. Ma la Selva, come altri luoghi della Campania di simile conformazione, è stata sfruttata dalla Camorra prima con attività estrattiva selvaggia e poi, come appurato dalla Sezione Aerea della Guardia di Finanza nel 2008, come ricettacolo di sversamenti illeciti. Come spiega Tommaso Sodano, membro della Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse, quello delle cave è sempre stato uno dei business principali della Camorra: si scava e quando non si può più scavare si riempie. Purtroppo è difficile individuare gli sversamenti più pericolosi senza una ricerca puntuale e ben focalizzata. Questo perchè i rifiuti tossici vengono nascosti bene, con tecniche che continuano ad affinarsi: la più comune delle quali è seppellirli nel cuore di ingenti accumuli di scarti edili.
La Selva non è mai stata considerata un Sito Contaminato di Interesse Nazionale, eppure, al sequestro di una cava da parte della Guardia di Finanza si aggiungono le testimonianze dei cittadini, il ritrovamento da parte del Commissariato allEmergenza Rifiuti di 20 mila metri cubi di amianto a ridosso della Cava del Poligono (attuale Discarica di Chiaiano) e i calcoli effettuati dal Geologo Franco Ortolani che ha evidenziato, grazie alluso di foto aeree, ingenti accumuli avvenuti negli ultimi 10 anni. Sversamenti sono visibili anche ad occhio nudo, soprattutto nelle grotte, dove tra le colline di materiale di riporto emergono fusti, copertoni e altri tipi di rifiuti speciali. Sono gli stessi sondaggi dellEnte Parco, effettuati per dare il via ai progetti esecutivi, che evidenziano la presenza di terreno di riporto sia allinterno dellEx Cava Comunale che lungo gli alvei stradali. Per quanto parziali, queste informazioni sono comunque sufficienti (secondo i pareri dei geologi consultati) per dichiarare la necessità di un monitoraggio ambientale che vada nello specifico ad analizzare chimicamente quei sondaggi. Questo monitoraggio dovrebbe essere effettuato nei mesi a venire e dovrebbe decretare la necessità o meno di una bonifica, prerogativa essenziale per la costruzione di un parco pubblico nella Selva di Chiaiano. Il timore dellEnte Parco è che non si riescano a salvare le cave da ulteriori sversamenti o da un destino da discariche autorizzate (come quella effettuata grazie a dlg 90) se non si interviene subito con i progetti.

Fonte: www.wasteemergency.com

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • MEDIA
  • ABOUT
  • CONTACT