Home»Ecologia»Energy Revolution»Arrestati 7 attivisti di Greenpeace che protestavano contro le perforazioni in Alaska

Greenpeace action

Sette attivisti di Greenpeace sono stati arrestati dopo che hanno manifestato, non autorizzati evidentemente, a bordo di una nave in partenza per l’Alaska dove si svolgeranno nuove trivellazioni per la ricerca di petrolio. Il gruppo aveva come obiettivo portare l’attenzione del Segretario degli Interni Ken Salazar sul divieto di nuove perforazioni. La nave è ancorata a Port Fourchon in Louisiana nella zona teatro del massiccio sversamento di petrolio causato dall’esplosione della piattaforma per estrazioni petrolifere Deepwater Horizon della Bp.

I sette arrestati hanno un età compresa tra 24 e 32, e sono accusati di violazione di infrastruttura strategica. Intanto il Presidente Obama ha deciso di istituire una commissione presidenziale per indagare il disastro e per preparare un organo di supervisione federale per le trivellazione petrolifere in mare aperto mentre ogni autorizzazione alle perforazioni, dopo il disastro della BP è stato sospeso.

Greenpeace action

Ora si attendono le decisioni del giudice di Port Fourchon e se fisserà o meno delle cauzioni per far uscire i sette attivisti.

Fonte: www.ecoblog.it

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT