Home»Articoli»Reggio Calabria: oggi 50 associazioni inaugurano la rete solidale antiracket

Reggio Calabria libera dal pizzo

“La libertà non ha pizzo”. E’ lo slogan con cui Libera e la Federazione Antiracket Italiana (Fai) presentano oggi a Reggio Calabria l’iniziativa ‘Reggioliberareggio’. “Un lavoro partito oltre un anno fa, ascoltando le testimoniane, le difficoltà delle vittime del racket che esercitano le loro attività nel territorio di Reggio Calabria” – sottolinea la nota dei promotori. L’iniziativa – che si terrà stasera a Reggio Calabria presso l’Auditorium San Paolo – sarà tenuta a battesimo da don Luigi Ciotti, presidente di Libera, e da Tano Grasso, presidente onorario della Fai.

In una città come Reggio Calabria dove il 70% degli imprenditori sono costretti a pagare il pizzo, dove ogni rione ha la sua cosca ed il suo ‘libro mastro’ – spiega la nota – 50 associazioni laiche e religiose (tra cui Legambiente, Riferimenti, Confartigianato, Cgil, Uil, Ugl, Cisl, Caritas, Acli, Azione Giovani, Fgci) daranno vita a un grande movimento antiracket, una rete solidale per sostenere imprenditori e commercianti che hanno avuto il coraggio di denunciare i propri taglieggiatori ed incoraggiare la ribellione al giogo mafioso, creando una rete solidale tra chi non paga o smette di pagare il pizzo”.

“Per la prima volta – commenta don Ciotti – in Calabria a Reggio Calabria, tantissime associazioni diverse insieme dicono ‘No al pizzo’ ed al sopruso della violenza criminale”. “Si tratta – spiega il presidente di Libera – di un grande movimento culturale, una campagna per sostenere le vittime del racket che hanno denunciato, per accompagnare la denuncia delle vittime ma anche per promuovere il consumo critico e responsabile, sensibilizzare e informare sull’antiracket, fare educazione e formazione nelle scuole e nelle università”.

E’ una proposta amministrativa, politica e sociale” – continua don Ciotti. Le associazioni riunite nel movimento reggioliberareggio avanzano infatti numerose proposte (in .pdf) e chiedono che le vittime del racket abbiano vantaggi fiscali, che siano cancellate dall’elenco dei protesti e dal Cai (Centrale Allarme Interbancaria), che vengano sospese le ipoteche, accettate dilazioni di pagamento o venga data la possibilità di avere un mutuo agevolato solo nei casi in cui i problemi economici dell’imprenditore siano legati all’estorsione.

Ad ogni attività gestita da imprenditori liberi dal racket sarà dato un logo di riconoscimento da attaccare in vetrina quale segno a garanzia della libertà dal pizzo e dalle logiche mafiose. Vi sarà un osservatorio antiracket composto da sette membri che periodicamente valuterà i punti vendita che non sono collusi con la mafia. Anche i consumatori, potranno diventare sostenitori della rete di negozi “reggioliberareggio” e impegnarsi a fare acquisti solo nei punti vendita con il bollino antiracket.

“Le cifre dicono che sono circa il 70% degli imprenditori sono ancora costretti a pagare il pizzo – conclude Don Luigi Ciotti. Un fenomeno preoccupante: con questa iniziativa vogliamo però dare a tutti il coraggio di denunciare”. [GB]

Fonte: www.unimondo.org

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ABOUT
  • CONTACT