Home»Articoli»Durante la gravidanza “fuma” 750 sigarette

Fumo ciminiere

Alessandro Marescotti

Accade a Taranto per ogni donna in stato di gravidanza, precisamente nel quartiere Tamburi, il più martoriato dall’inquinamento siderurgico. Di queste sigarette circa 50 sono da attribuire al traffico mentre 700 sono attribuibili all’inquinamento industriale da benzo(a)pirene. Quale multa dovrebbe pagare il polo industriale ad una donna incinta?

La legge prevede una multa di 500 euro a infrazione. Da aumentare a 2000 euro se il soggetto non ottempera all’obbligo di attenersi al “divieto di fumo”.

Moltiplicando 2000 euro per 700 sigarette viene 1.400.000 euro. Ammonterebbe quindi a 1.400.000 euro la “multa” per ogni donna in stato di gravidanza se lo Stato applicasse alle industrie a Taranto la legge sul fumo.

Note:

Legge 28/12/2001 n 448 (Art. 52 co. 20): Divieto di fumo: sanzioni per i trasgressori

Art. 7

1. I trasgressori alle disposizioni dell’articolo 1 sono soggetti alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 25 a euro 250; la misura della sanzione è raddoppiata qualora la violazione sia commessa in presenza di una donna in evidente stato di gravidanza o in presenza di lattanti o bambini fino a dodici anni.
2. Le persone indicate all’articolo 2, che non ottemperino alle disposizioni contenute in tale articolo, sono soggette al pagamento di una somma da euro 200 a euro 2.000; tale somma viene aumentata della metà nelle ipotesi contemplate all’articolo 5, primo comma, lettera b).

Fonte: www.peacelink.it

eBook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Contatti

Uomoplanetario.org

Email

Telefono+39 (340) 1046944

×
  • HOME
  • ECOLOGIA
  • ABOUT
  • CONTACT